Abbonati
un blog dedicato a Castro e dintorni

Luigi Donato Beli – GLI AGGUATI DEL DESTINO

Luigi Donato Beli – GLI AGGUATI DEL DESTINO

Luigi Donato BELI

GLI AGGUATI DEL DESTINO

estratto da:

LE STRADE DEGLI UOMINI

Casa Editrice l’Italia Meridionale A. XII – Lecce 1934

Luigi Donato BELI fa alcune riflessioni sugli agguati che il destino spesso riserva anche a persone di provata rettitudine raccontando le vicissitudini di un 86enne parroco di Castro accusato della sottrazione del piccolo tesoretto di corredo alla Modonna del Rosario in Castro Marina. La breve nota del 1934  riporta alcune indicazioni su Castro negli anni del racconto.

Sono nove pagine compresa la copertina della rivista raccolte in un file .pdf (8 MegaByte circa)

Qui potete scaricare l’opera completa in pdf

 

====

Pubblico in coda, perchè pertinente, il testo della lettera inviatami dalla Sig.ra Maura Lazzari, in merito ai contenuti della pubblicazione in oggetto.

Trattandosi di un post relativo alla divulgazione del testo (più per i riferimenti all’abitato di Castromarina, che per i fatti che l’autore commenta come argomento principale) non esprimo  alcuna osservazione rinviando, se la Sig.ra Lazzari ritiene, le considerazioni nel merito di questa faccenda a una distinta discussione. Questo a garanzia della sola memoria del reverendo, in quanto, personalmente la vicenda dei fatti commentati nello scritto di L. Donati Beli non sono pertinenti agli argomenti trattati in questo Blog, né mi appassionano particolarmente.

 

Il testo dell’email:

Gentile Ing. Micello,
apprezzo molto il Suo sito, ricco d’immagini  e di notizie.
Ne sono quindi frequentatrice.
Ora, tuttavia, non possa fare a meno di contestarLe le modalità di
pubblicazione di un vecchio opuscolo sul sacerdote Gabriele Ciullo, dal quale
la figura di quest’ultima esce devastata.
Chi è di Castro sa bene che a lui sono dovute la devozione alla Madonna del
Rosario e la fondazione della Chiesa omonima, alla Marina di Castro.
Le vicende alle quali fa riferimento l’articolo (assai vecchio, a dire il
vero! È del 1934) sono pubblicate senza un commento.
Pertanto sembra che non vi sia alcun dubbio circa la “colpa” ci cui parla l’autore.
Invece, vi sono state ricerche molto più recenti, ed esiste il dubbio fondato
che qualcuno – vicino a don Gabriele Ciullo, e che della sua vecchiaia
approfittò – si sia impadronito, con l’inganno, di quanto allo stesso don
Gabriele era affidato.
In sintesi:
1) Alla ricostruzione in forma narrativa (che rende necessariamente imprecisa
la ricostruzione dei fatti) si accompagna dunque la mancanza di ogni prova.
2) Si trascurano, al tempo stesso, gli elementi che dovrebbero portare a
indagare altre persone del tempo, più giovani di don Gabriele, che per motivi
di famiglia lo frequentavano.
In quanto lontana discendente di don Gabriele Ciullo, spero che Lei voglia
pubblicare questa mia lettera che restituisce – in parte – la verità dei
fatti.

Un saluto da
Maura Lazzari

Download PDF

Lascia un commento

Disclaimer

Tutti i contenuti di questo blog sono generalmente creati dall'autore e possono essere liberamente utilizzati da tutti per studio e divulgazione. Gli articoli e le immagini che si riferiscono a persone non possono essere utilizzate se non con il consenso degli interessati. Violazioni della privacy o riferimenti indesiderati, su semplice richiesta, saranno rimossi.

Login Form

Code feed